Il piacere di mangiar sano

Mens sana in corpore sano 🌻

Cosa sono le buddha bowl?

La denominazione fa probabilmente riferimento a un pasto equilibrato di tipo buddista. Uno dei racconti sul Buddha riferisce che, nelle sue visite ai villaggi, egli portava con sé una ciotola per il cibo (da qui bowl) per farsela riempire con qualunque alimento di tipo vegetariano. 

Non bisogna confonderle con le insalatone in quanto la buddha bowl rispetta 3 regole fondamentali per essere considerata tale:

1. Proporzione:

Si possono abbinare moltissimi ingredienti tra loro, ma si deve rispettare una certa proporzione. La base è data da ortaggi (in misura pari a circa il 70%) ai quali aggiungerete un cereale (in misura del 15% circa) e una proteina, a scelta tra vegetale o animale (in misura del 15% circa). Scegliere dunque un cereale preferibilmente integrale: riso, bulgur, grano saraceno, quinoa, miglio, farro oppure orzo. Aggiungere un alimento proteico che può essere vegetale (legumi quali ceci, piselli, fagioli, soia) oppure animale (uova, pesce, pollo). Inserite sempre qualcosa di croccante, come semi o frutta a guscio. Alternate sapori più amari a quelli piu amari. 

2. Stagionalità:

Le buddha bowls sono preparate rigorosamente con prodotti freschi e di stagione. Evitare tutto ciò che è in scatola (vietato il mais, pieno di zucchero) e terminate con spezie o erbe fresche. Per la salute del corpo è molto importante utilizzare verdure e frutta di stagione. 

3. Estetica:

Per chi conosce sa che questa è in assoluto la caratteristica che più mi affascina. Ci si può sbizzarrire nelle composizioni di questi piatti che alla sola vista mettono di buon umore. La ciotola va composta sistemando gli ingredienti separatamente, come in un disegno, e non mescolando tutto insieme come si fa con le classiche insalate. Privilegiate colori differenti, sia per garantire una varietà di vitamine e principi nutritivi più ampia, sia per rendere il suo suo sapore sempre innovativo. 

Non ci resta che sbizzarrirci in salute.

Buon appetito 🌻